venerdì 4 luglio 2014

PESCHE DOLCI


 Queste deliziose prelibatezze le ho scovate nel blog di Note di cioccolato.Praticamente due biscotti di frolla uniti fra di loro da una golosa crema pasticcera e bagnati nell'alchermes e maraschino e poi successivamente tuffati nello zucchero.
Io ho dimezzato le dosi per avere 12 /15pasticcini (dipende dalle dimensioni).La crema pasticcera ho preparato la mia,cliccate qui per ricetta e ingredienti.Ve ne avanzerà un pò,io le ho messe in tre ciotoline e le ho servite con un pò di zucchero di canna sopra, lievemente caramellato con l'apposito cannello.
INGREDIENTI:
per i biscotti:
250 g di farina 00
1 uovo medio
62 g di zucchero
62 g di burro fuso
2 cucchiai di olio di semi di girasole
1/4 di tazzina di caffè di latte
mezzo limone non trattato
1 cucchiaino di lievito per dolci
un pizzico di sale
per il ripieno:
crema pasticcera
per la bagna:
1 bicchiere con metà maraschino e metà alchermes
inoltre:
zucchero semolato
pirottini di carta


 In una terrina montate bene l'uovo con lo zucchero.
Unite il burro fuso freddo,l'olio di semi,il pizzico di sale,la scorza del mezzo limone grattugiata e il lievito sciolto nel latte.
Amalgamate bene il tutto.
 Unite la farina setacciata e amalgamate velocemente sino ad ottenere un impasto liscio e morbido.Ponete in frigo avvolto in pellicola per un'ora.

 Tirate fuori l'impasto fuori dal frigo e preparate delle palline di 18 g ciascuno.
Ponetele in una teglia foderata con carta da forno e appiattitele leggermente.
Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 12 minuti.
 Sfornate e lasciateli raffreddare completamente.
Con l'aiuto di un coltellino appuntito scavate la base di ogni biscotto facendo molta attenzione a non romperli (io ne ho rotti 3),così ho potuto assaggiare in anticipo la frolla :-)
Riempiti i biscotti con la crema pasticciera aiutandovi con una sac a poche.
Unite i biscotti a due e bagnateli velocemente nel mix alcolico.
Passateli immediatamente nello zucchero e poneteli nei pirottini di carta.
Trasferite i dolcetti per un paio di ore in frigo e servite.

2 commenti:

Batù Simo ha detto...

ah io le adoro! mi ricordano la mia infanzia. Non erano in formato mignon, bensì belle grandi (proprio come una pesca) e, mordendola, mi riempivo di zucchero fino alle guance. Sono buonissime e le tue sono anche molto belle, brava!

gwendy ha detto...

@Batù Simo
Grazie Simo!!
Io le preferisco in formato mignon,sono meno impegnative,anche se poi a dire il vero si finisce sempre con il mangiare più di uno.
P.S:sono contenta che questi dolcetti ti abbiano riportato indietro nel tempo :-)